PREMESSA

La previsione inIziale di inserire nel DL Rilancio apposite norme in materia condominiale, al momento della redazione definitiva del testo, è stata sconfessata.

Tuttavia, le commissioni riunite delle Finanze e delle Attività Produttive, Commercio e Turismo stanno attualmente valutando gli emendamenti da apportare al DL 23/2020, nell’ambito dell’attività preliminare svolta dalla commissione per consentire la conversione in legge del provvedimento governativo.

 

GLI EMENDAMENTI

In breve, gli emendamenti più significativi previsti possono essere così riassunti:

  • sospensione dei termini afferenti gli adempimenti fiscali e formativi dell’amministratore del condominio per tutto il decorso del 2020;
  • interruzione del termine di 6 mesi previsto per la predisposizione e approvazione del rendiconto condominiale;
  • possibilità di consentire la partecipazione dei condomini all’assemblea in videoconferenza;
  • esami dei corsi di formazione e di aggiornamento anche in modalità telematica.

Ciò premesso, si comprende la ratio delle proposte di intervento, funzionali ad ovviare alla situazione di difficoltà venutasi a creare a causa dell’emergenza sanitaria.

Gli emendamenti proposti apporterebbero quindi benefici sotto tutti i fronti, da quello economico a quello più prettamente logistico.

Si comprende pertanto come un intervento di tale portata abbia soddisfatto appieno le associazioni Apice, Unicondominio, Assiac, Figiac, BmItalia e CondoAssociazione, che con nota congiunta hanno esposto il loro entusiasmo riferendo che “Al di là del colore politico di chi porterà la proposta, si tratta di una vittoria della categoria degli amministratori condominiali professionisti poiché attraverso la costanza e la determinazione, si è riusciti a traghettare tra i banchi del Parlamento la discussione su una tematica di vitale importanza per la categoria nonché per tutte le persone facenti parte dei fabbricati assistiti dalla medesima figura professionale”.

 

****

Si rimane a disposizione per qualsiasi chiarimento occorresse.